"Forse abbiamo delle batterie addosso…"

INTROAni_fra_politeama (11) copia

6/1/9 – Francesca

Forse…avevamo un asso nella manica ma non c’è ne eravamo mai accorti.
Forse…..è perchè ci proiettiamo troppo in aspettative altisonanti che puntualmente ci deludono…
forse..non è la continua ricerca del posto giusto nel momento giusto, come cacciatori spietati con le loro prede, che può dare la svolta decisiva ad una serata….
Forse abbiamo già dimenticato ogni istante di questa notte e niente ha più senso a quest’ora del giorno.


6/1/9 – ni_
Forse era un lunedì notte, uninizio di 2009 ancora luccicoso come le risate e gli scherzi, forse alle 3:30del mattino le luci diventano più giallo oro e ci si ferma in una piazza semideserta a spendere ancora il priprio tempo come se la cosa più sbagliata da fare sia tornare a casa….

1_Cni_fra_politeama (6) copia
1Bni_fra_politeama (4) copia

ni_fra_politeama (4)

Ma ci vuole davvero un attimo, basta solo un pò di concentrazione, basta chiudere gli occhi per capire che tutte le immagini, tutte le parole, le risate ed ogni secondo di quello che siamo stati e di quello che abbiamo vissuto stanotte non è soltanto il protrarsi insesorabile della vita ma l’esistenza stessa che ha deciso di assumere una forma impalpabile e perfetta.

Ma ci vuole veramente poco per rendersi conto che sta tutto nelle nostre mani e nei nostri occhi, quando stai bene non hai dubbi, quando tutto ciò che succede ha una sua ragione e tutto è giusto è perchè la situazione è giusta…dall’altra parte della strada ci sono due pattuglie dei carabinieri che fermano le auto e noi lì a ridere liberida orologi, etilometri, fantasmi e preconcetti, liberi da dubbi, aspettative e retaggi…luci, luci e luci….per nulla freddo…

1a_Cni_fra_politeama (6) copia..Jusqu’a la fin..
…en plein soleil…

1aAni_fra_politeama (11) copia…le ore che da lontano ci sorridono, la punta di un albero che corre verso un cielo nero nero e impenetrabile e quattro  gambe che si muovono all’unisono "into the end" di una notte che è stata solo nostra. L’energia trovata, due poli in apparenza opposti e poi un rumore funesto di un clic..clic..clic.."cazzo!" la difitale non ‘è l’ha fatta…e così discreto e silente il nostro prezioso asso si è congedato lasciandoci in piedi in quella vastità infinita che il tempo, anche questa volta, ci porterà via.

l’effetto pioggia brightlights di quel albero di natale, quel irresistibile rosso degli stivaletti rendeva tutto ancora più prezioso e frizzante allo stesso tempo..bollicine di luce come champage e clic come tappi che volano da bottiglie in esplosione…into the end…

Acane cujio copiagrazie al cane cujo dei Chiavettieri che sapeva già tutto ore prima…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...